Partners


CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD

Confindustria Toscana Sud

CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD opera per il miglioramento e la crescita dell’imprenditorialità sul territorio di competenza, con attenzione costante alle esigenze delle aziende attraverso studi e ricerche, approfondimenti, dibattiti e convegni su temi economici, sociali e istituzionali di interesse generale della realtà socio-economica del territorio. Promuove rapporti ed intese tra gli associati per la risoluzione delle problematiche imprenditoriali. Rappresenta il tessuto produttivo nei rapporti con le Istituzioni, le Amministrazioni, le Organizzazioni economiche, politiche, sindacali e sociali. Il suo obiettivo è mettere al centro le imprese e gli associati, conoscendo le loro attese e cercando di renderli sempre più soddisfatti. Per questo l’Associazione ha un orientamento semplice e diretto ai problemi, mette a disposizione esperti nelle sedi e in azienda. Per rispondere nel merito alle problematiche delle singole imprese nel loro percorso di sviluppo, CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD si avvale della competenza delle proprie società di servizi appositamente costituite, offrendo attività di consulenza e di accompagnamento su tutte le questioni connesse al mondo imprenditoriale. 

The MRS Consultancy Ltd

 the MRS consultancyLa MRS Consultancy Ltd è una srl con sede a North Yorkshire con forte tradizione nel campo dello sviluppo delle competenze in particolare utilizzando strumenti elettronici per facilitare l’apprendimento informale e il suo riconoscimento all’interno delle imprese. E’ membro del EFQUEL (European Foundation for Quality in e-learning), membro attivo della ESBA (European Small Business Alliance) e due dei suoi amministratori sono stati indicati come “esperti” CE in materia di e-learning. Il personale è composto da professionisti esperti con esperienza nel campo della ricerca di mercato, e-learning e l’apprendimento informale, con particolare riferimento alle imprese. In più ha esperienza nella gestione di progetti, avendo con successo coordinato tre precedenti progetti pilota Leonardo e due progetti Leonardo TOI oltre a numerosi progetti di partenariato LLP. La MRS Consultancy Ltd porterà i risultati del progetto TOI LLP – European Initiative for the Promotion of Informal Learning in the Workplace -Pastures New. Partecipa alla fase di adattamento dei risultati del progetto. Esso partecipa attraverso i propri esperti affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano. Questo prodotto, sarà sostenuto da partner nella sua modifica e sviluppo per il suo utilizzo in nuovi contesti culturali come in Italia e in altri paesi partner. MRS Consultancy Ltd userà la sua rete diffusa nel Regno Unito e in tutta l’unione europea per l’impatto e la diffusione del progetto, tra cui la ESBA (European Small Business Alliances), l’European Institute for e-Learning ed il British Institute for Learning and Development.. Il partner sosterrà, inoltre, i processi di QA (Quality Assurance).

Kaunas Chambre of Commerce Industry and Craft

Kaunas ChamberL’organizzazione è coinvolta nel sistema VET, in particolare nella valutazione dei risultati di apprendimento degli abbandoni scolastici della formazione professionale. Ha una esperienza nello sviluppo della cooperazione tra le scuole di formazione professionale e le imprese per l’organizzazione del tirocinio formativo di giovani e adulti. La Camera di Commercio di Kaunas partecipa a vari progetti Leonardo da Vinci relativi alle problematiche della formazione on the job e lo sviluppo del apprendistato, nell’ambito di quanto previsto dalla legislazione lituana, che, a partire dal 2003, definisce con la Legge sull’Istruzione uno standard istituzionale per la certificazione dell’apprendimento non formale ed informale da parte del VET nazionale. Camera di Commercio di Kaunas, Lituania sarà membro del consorzio del progetto. Il suo ruolo sarà espresso principalmente nella fase del adattamento. Parteciperà attraverso i suoi esperti e fornirà la sua vasta esperienza in termini di apprendimento informale, particolarmente sviluppato attraverso l’attuazione del progetto LdV: “Strumenti e processi innovativi per la Validazione e l’apprendimento informale non formale “, LLP-LdV-TOI-2007-LT-0011. Il ruolo del partner sarà quello di sostenere il processo di integrazione e personalizzazione del prodotto importato, nel contesto italiano. Questo supporto sarà fornito sia attraverso momenti di collaborazione e comunicazione a distanza’ tramite e-mail e conference e attraverso la partecipazione a tre incontri internazionali che si terranno in Italia.

Belgian Network for Open and Digital Learning

BelgianBelgian Network for Open and Digital Learning è un’associazione senza scopo di lucro composta da provider e organizzazioni di tecnologia e di formazione che rappresentano gli utenti Open Digital Learning (ODL). E’ una rete di professionisti che promuove l’uso della tecnologia ODL dalla forza lavoro di oggi e di domani. All’interno di questa rete una vasta gamma di membri si impegnano attivamente in quanto in possesso di diverse aree di competenza. La rete è composta da diversi tipi di organizzazioni come fondi settoriali, partner privati, pubblici e istituti universitari. Dal 1999, la rete belga per l’apprendimento aperto e digitale si impegna per l’attuazione del E-learning nella vita economica. BE-ODL crede fortemente nel futuro del E-learning e vuole introdurre questo metodo di apprendimento ad un vasto pubblico. Esso mira a stabilire una cooperazione tra le organizzazioni e le aziende private per una applicazione crescente di E-learning nei programmi formativi per i lavoratori. Belgian Network for Open and Digital Learning sarà un membro del consorzio del progetto. Il suo ruolo sarà espresso principalmente nella fase di adattamento . Parteciperà attraverso i suoi esperti e fornirà la sua vasta esperienza in termini di apprendimento informale, particolarmente sviluppato attraverso l’attuazione del progetto Leonardo da Vinci, Trasferimento di Innovazione, 2010-LDV-TOI -507 “My Knowledgebox at work” in qualità di partner, progetto focalizzato sul miglioramento dell’apprendimento informale e non formale sul luogo di lavoro. Il ruolo del partner sarà quello di sostenere il processo di integrazione e personalizzazione del prodotto importato. Questo supporto sarà fornito sia attraverso momenti di ‘collaborazione e comunicazione a distanza’ tra e-mail, E conference, e attraverso la partecipazione a tre incontri internazionali che si terranno in Italia. Il partner, contribuisce alla diffusione dei risultati di progetto, attraverso la propria rete.

Provincia di Grosseto

logo_provincia_2_1Servizio Area Formazione e Politiche attive del Lavoro Dipartimento Servizi alla Persona Il territorio della provincia di Grosseto, risulta essere il più vasto della Regione Toscana e la Provincia di Grosseto amministra attualmente un totale di 28 comuni. Le competenze trasferite alle Province dalle leggi nazionali e regionali in materia di Formazione Professionale hanno accresciuto, negli ultimi anni, il ruolo dell’Amministrazione provinciale, che dal 1997 non si occupa più soltanto di Istruzione. Sui temi della Formazione Professionale e dell’Istruzione l’Amministrazione Provinciale di Grosseto è impegnata da tempo sia con l’adozione di strumenti di politica dell’occupazione, sia proponendo adeguati interventi nella qualificazione delle risorse umane. Il Servizio Formazione Professionale e Politiche per l’Occupazione si occupa di tutte le attività formative e delle politiche attive per il lavoro a livello provinciale e, rappresenta il tramite istituzionale con il sistema regionale, e quello Nazionale (Istruzione e Formazione Italia 2010, Roma 2007) E’ membro del Consorzio. Il partner, partecipa con un proprio referente agli Incontri Territoriali nella fase di adattamento, sperimentazione e validazione. Partecipa alla Missione in UK di preparazione al Memorandum Of Understanding. Il partner predispone e realizza le attività di organizzazione dei tre Meeting Internazionali, di .promozione dell’iniziativa dell’evento finale per la restituzione dei risultati del processo di sperimentazione. Il partner, contribuisce alla diffusione dei risultati di progetto, a livello nazionale, attraverso i propri canali istituzionali. L’Ente è responsabile, attraverso i propri esperti, della realizzazione della fase di valutazione degli apprendimenti informali, degli aspetti inerenti l’uso del Libretto del Cittadino rivolto ai lavoratori e partecipa affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano.

ERPAFLAZIO

erfaplazioL’Ente Regionale per la Formazione e l’Addestramento Professionale Lazio è un ente di formazione, associazione senza scopo di lucro. E’ accreditata presso la Regione Lazio per l’orientamento, la formazione superiore e la formazione continua. E’ accreditata presso i seguenti Fondi Interprofessionali: FART, FAPI, Fondimpresa, FONCOOP, FORTE. Ha come finalità la promozione di servizi formativi per estendere l’occupazione e la crescita del territorio, e consolidare la “cultura dello Sviluppo”. L’Ente ha sviluppato conoscenze e competenze per la gestione dei sistemi lavoro, istruzione e formazione professionale; integra la propria azione con le strutture territoriali della UIL e con l’ENFAP Nazionale creando sinergie fra soggetti istituzionali e imprenditoriali rappresentativi della realtà economica e sociale della Regione Lazio e risorse umane da inserire e\o inserite nel mercato del lavoro.L’ Ente sarà  membro del Consorzio costituito per la gestione del Progetto. Il partner, partecipa con un proprio referente agli Incontri Territoriali nella fase di adattamento, sperimentazione e validazione e ai tre Meeting Internazionali. Partecipa  attraverso i propri esperti  affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano. Il partner,  contribuisce alla diffusione dei risultati di progetto, a livello nazionale, attraverso i propri canali istituzionali. L’Ente è responsabile, attraverso i propri esperti, della realizzazione della fase di valutazione degli apprendimenti informali, degli aspetti inerenti l’uso del Libretto del Cittadino rivolto ai lavoratori.

CNA Sostenibile

cnasostConfederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sostenibile S.r.l. è un’organizzazione dedicata a fornire formazione e servizi innovativi alle PMI. E ‘promosso dalla Confederazione Nazionale Artigianato. I suoi obiettivi principali sono: diagnosticare i processi, definire e diffondere la formazione o l’apprendimento che può essere applicato con successo da parte delle PMI. CNA Sostenibile è un’organizzazione certificata e riconosciuta in  tutta la regione Lazio. Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sostenibile S.r.l. sarà  membro del Consorzio costituito per la gestione del Progetto e parteciperà con un proprio referente agli Incontri Territoriali nella fase di adattamento, sperimentazione e validazione e ai tre Meeting Internazionali. Contribuirà attraverso i propri esperti affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano. Sarà compito di CNA Sostenibile srl predisporre e realizzare le attività di promozione dell’iniziativa presso i lavoratori e le aziende associate alla CNA Associazione Provinciale di Viterbo e Civitavecchia utilizzando i propri canali istituzionali.Sarà responsabile, attraverso i propri esperti, della realizzazione della fase di monitoraggio e valutazione in itinere ed ex post.

CCIAA GROSSETO

Logo Cciaa Gr(1)

La Camera di Commercio di Grosseto è un‘istituzione che opera per restituire al sistema economico locale, dal quale provengono le risorse finanziarie dell‘Ente, il massimo valore aggiunto in termini di servizi per le imprese e di interventi per lo sviluppo del territorio.

Le principali funzioni dell‘Ente sono: – il supporto e la promozione degli interessi generali delle imprese; – la gestione delle materie amministrative ed economiche relative al sistema imprenditoriale; – la promozione e la realizzazione di strutture e infrastrutture di interesse economico generale; – l‘armonizzazione del mercato. La Camera di Commercio di Grosseto è governata da una Giunta e da un Presidente eletti da un Consiglio, espressione delle forze economiche della provincia. La Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura di Grosseto, sarà  membro del Consorzio costituito per la gestione del Progetto.  Il partner, partecipa con un proprio referente ai tre Meeting Internazionali, agli Incontri Territoriali per le  fasi di adattamento, sperimentazione e validazione. Partecipa alla missione di  preparazione al  Memorandum Of Understanding presso il partner  UK. Esso partecipa  attraverso i propri esperti  affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano. CCIAA di Grosseto predispone e realizza le attività di promozione dell’iniziativa presso i lavoratori e le  aziende associate , utilizzando i propri canali istituzionali. CCIAA è responsabile della stampa delle Linee guida.

CCIAA VITERBO

logo CCIAA viterbo

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Viterbo, ente autonomo con  40.000 imprese iscritte nel Registro delle Imprese, esercita funzioni di supporto e di promozione degli interessi generali delle imprese e delle economie locali, nonché funzioni nelle materie amministrative ed economiche relative al sistema delle imprese, svolgendo pertanto un ruolo propulsivo dello sviluppo locale. All’Ente sono attribuite funzioni di regolazione e tutela del mercato, nonché funzioni di monitoraggio, studio e analisi dei dati dell’economia locale. Gestisce percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, promuovendo  il raccordo e la cooperazione tra i sistemi Istruzione e Formazione Professionale  e le imprese, attraverso la realizzazione di seminari, stage e tirocini aziendali. Mediante la sua Azienda Speciale, il CeFAS, cura  la gestione di corsi professionali con focus: gestione economica e finanziaria d’impresa, marketing,  gestione risorse umane, sicurezza sui luoghi di lavoro. La Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura di Viterbo, sarà  membro del Consorzio costituito per la gestione del Progetto. Esso partecipa  attraverso i propri esperti  affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano. Il partner, predispone e realizza le attività di promozione dell’iniziativa presso i lavoratori e le  aziende associate , utilizzando i propri canali istituzionali. Il partner, partecipa con un proprio referente ai tre Meeting Internazionali, agli Incontri Territoriali per le  fasi di adattamento, sperimentazione e validazione, e contribuisce coi i propri esperti, alla realizzazione della fase di valutazione degli apprendimenti informali.Il partner partecipa alla diffusione dei risultati di progetto, attraverso i propri canali istituzionali.

Università La Sapienza di Roma

Impresa Sapiens_centro_ricerca

Centro di Ricerca e Servizi della Sapienza Impresapiens. Con oltre 700 anni di storia e 140mila studenti, la Sapienza è la prima università in Europa. La sua missione è contribuire allo sviluppo della società della conoscenza attraverso la ricerca, la formazione di eccellenza e di qualità e la cooperazione internazionale. La Sapienza, grazie a 11 facoltà, 63 dipartimenti e numerosi centri di studio, raggiunge livelli di eccellenza in campi di ricerca quali l’archeologia, la fisica e l’astrofisica, le scienze umanistiche e i beni culturali, l’ambiente, le nanotecnologie, la terapia cellulare e genica, il design, l’aerospazio. Il Centro di Ricerca e Servizi della Sapienza IMPRESAPIENS è stato istituito con decreto rettorale n.165 del 2009 per riportare l’Università al centro della Ricerca e della Sperimentazione connessa con processi di placement, organizzazione aziendale, formazione continua, sicurezza sui luoghi di lavoro, domanda offerta di lavoro e tematiche connesse ai sistemi imprenditoriali e occupazionali.

Sapienza Università di Roma sarà  membro del Consorzio costituito per la gestione del Progetto. Il partner, partecipa con un proprio referente agli Incontri Territoriali nella fase di adattamento, sperimentazione e validazione ai tre Meeting Internazionali. Partecipa alla missione di  preparazione al Memorandum Of Understanding presso il partner  UK. Partecipa  attraverso i propri esperti  affinché l’adattamento del prodotto importato sia adeguato ed integrato rispetto al Sistema del VET Italiano. Il partner,  contribuisce alla diffusione dei risultati di progetto, a livello nazionale, attraverso i propri canali istituzionali, contribuisce, attraverso i propri esperti, alla stesura delle Linee guida “Procedure per la costruzione di un  servizio per il riconoscimento degli apprendimenti informali per i lavoratori in crisi occupazionale“